Non Solo Clima

Carrello

Il carrello è vuoto.

Area Clienti

Vetrina

Ultimi Arrivi

Slide ShowRoom

Slide offerte stufe installate

Slide Pellquadro

COnto Termico

Slide Cherie Up

Slide blade pietra ollare

Blade h beige

Slide offerte termoprodotti Edilkamin

Slide installazioni climatizzatori

Slide Samsung Windfree

Daikin Emura wi-fi

Slide luca

Slide magazzino

PreviousNext

Offerta del mese! Tab1

 

Termostufa a Pellet EdilKamin Cherie up 15 kw + 1000 kg PELLET
Termostufa a Pellet EdilKamin Cherie up 15 kw + 1000 kg PELLET
€ 3.100,00

Termostufa a Pellet EdilKamin Cherie up 15 kw + 1000 kg PELLET
Termostufa a Pellet EdilKamin Cherie up 15 kw + 1000 kg PELLET
€ 3.000,00

Termostufa a Pellet EdilKamin Cherie up 15 kw Acciaio Grigio
Termostufa a Pellet EdilKamin Cherie up 15 kw Acciaio Grigio
€ 3.000,00

Termostufa a Pellet EdilKamin Kira H 18,7 KW + 1000 KG PELLET
Termostufa a Pellet EdilKamin Kira H 18,7 KW + 1000 KG PELLET
€ 3.600,00

Contattaci

 

 

Warning
  • Politica di gestione dei cookie

    Questo sito utilizza cookie per migliorarne l'esperienza d'uso. Proseguendo con la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

| Stampa |

Pagamenti

Modalità di Pagamento:

Pagamento a mezzo bonifico. Cari clienti, da sempre la "Non Solo Clima" è sinonimo di qualità e affidabilità, proponendo prodotti di alto livello ai migliori prezzi di mercato. Per mantenere altamente competitive le nostre offerte chiediamo la vostra collaborazione invitandovi preferire i pagamenti attraverso bonifico bancario che oltre a garantirvi la tracciabilità dell'avvenuto pagamento è anche pratico, economico e veloce.

L'ordine se in pronta consegna sarà evaso da "Non Solo Clima" di Vaccaro Vincenzo il giorno seguente all' accredito su nostro conto corrente e comunque non oltre i tempi indicati nell' inserzione dell'articolo in oggetto e successivamente consegnato con tempistiche medie da 1 a 3 giorni lavorativi. Mediamente i tempi di accredito di un bonifico vanno da 1 a 3 giorni lavorativi.

In caso di pagamento PayPal, il prezzo sarà maggiorato del 2 % sul imponibile fattura. L' ordine verrà evaso da "Non Solo Clima" di Vaccaro Vincenzo il giorno seguente alla ricezione del pagamento se disponibile a magazzino e comunque non oltre i tempi indicati nell'inserzione dell'articolo in oggetto e successivamente consegnato con tempistiche medie da 1 a 3 giorni lavorativi.

Es. maggiorazione PayPal: prezzo di vendita oggetto € 1.000,00 + iva, totale iva inclusa = € 1.220,00. Maggiorazione 2% sull'imponibile = € 20,00. Nuovo totale comprensivo di maggiorazione = € 1.240,00 iva e maggiorazione inclusa.

In caso di Contrassegno, verrà richiesto a scopo precauzionale l'anticipo del 20% sul totale fattura da versare tramite bonifico bancario, il pagamento della somma rimanente (comprensivo della maggiorazione del 2% sul totale fattura) dovrà essere effettuato al corriere, in contanti se l'importo totale non supera € 999,00, con assegno circolare intestato al corriere per importi superiori ad € 1.000,00. L'ordine se in pronta consegna sarà evaso da "Non Solo Clima" di Vaccaro Vincenzo il giorno seguente all'accredito del bonifico e successivamente consegnato con tempistiche medie da 2 a 4 giorni lavorativi.

In caso l'importo del contrassegno sia superiore ad € 1.000,00 il corriere provvederà a prendere appuntamento telefonico con il Cliente, il Cliente dovrà provvedere ad anticipare via fax o mail copia dell'assegno circolare al corriere, il quale prima di consegnare la merce effettuerà le opportune verifiche con gli istituti bancari.

Es. maggiorazione contrassegno: prezzo di vendita oggetto € 1.000,00 iva inclusa + maggiorazione contrassegno 2% = totale € 1.016,39 iva inclusa.

La "Non Solo Clima" di Vaccaro Vincenzo si riserva la facoltà di non accettare il pagamento in contrassegno.

Nel caso in cui il Cliente non ritiri la merce e provveda al saldo del contrassegno al corriere, l'anticipo versato del 20% verrà trattenuto dalla "Non Solo Clima" di Vaccaro Vincenzo per le spese sostenute.

Condizione di pagamento in caso di ritiro presso la nostre sede: sarà possibile ritirare la merce direttamente presso la nostre sede, tramite preavviso. Le modalità di pagamento accettate sono: in contanti o assegno circolare intestato alla NON SOLO CLIMA DI VACCARO VINCENZO che ci dovrà essere anticipato via mail o fax per permetterci di effettuare le opportune verifiche.

In caso di annullamento dell'ordine, sia da parte del Cliente che nel caso di mancata accettazione dello stesso da parte della "Non Solo Clima" di Vaccaro Vincenzo, verrà richiesto contestualmente da "Non Solo Clima" di Vaccaro Vincenzo l'annullamento della transazione. Una volta effettuato l'annullamento della transazione, in nessun caso la "Non Solo Clima" di Vaccaro Vincenzo puo essere ritenuta responsabile per eventuali danni, diretti o indiretti, provocati da ritardo nello svincolo dell'importo impegnato da parte del sistema bancario.

"Non Solo Clima" di Vaccaro Vincenzo si riserva la facoltà di richiedere al Cliente informazioni integrative (ad es. numero di telefono fisso) o l'invio di copia di documenti d'identità ed autocertificazioni in caso di iva agevolta. In mancanza della documentazione richiesta, "Non Solo Clima" di Vaccaro Vincenzo si riserva la facoltà di non accettare l'ordine.

 

AGEVOLAZIONE FISCALE IRPEF 50%
Riteniamo di farVi cosa utile riepilogando qui di seguito le principali caratteristiche di tale agevolazione fiscale e le procedure da seguire.

NOVITA’ LEGISLATIVE
Dal 26 giugno 2012, con l’entrata in vigore del Decreto Legge 83/2012, denominato Decreto Crescita, sono state apportate numerose modifiche in merito alla misura delle detrazioni spettanti relativamente alle spese sostenute per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica.
In particolare è stato disposto che per le spese sostenute dal 26.6.2012 al 31.12.2017 per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio la detrazione IRPEF, è fissata nella misura del 50% (anziché 36%) e spetta per una spesa massima complessiva di € 96.000 (anziché € 48.000) per ciascuna unità immobiliare.

IN COSA CONSISTE
L’agevolazione consiste nella possibilità di detrarre dall’Irpef (l’imposta sul reddito delle persone fisiche) una parte degli oneri sostenuti per la ristrutturazione di abitazioni e di parti comuni degli edifici residenziali, situati nel territorio dello Stato.
La detrazione è pari al 50% delle somme spese e spetta fino a un massimo non superiore a 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare (fino al 30.6.2013). Questo importo va suddiviso fra tutti i soggetti, aventi diritto alla detrazione, che hanno sostenuto le spese (ad esempio marito e moglie cointestatari di un’abitazione possono calcolare la detrazione spettante sull’ammontare complessivo di spesa di 96.000 euro).
Se gli interventi realizzati in ciascun anno consistono nella prosecuzione di lavori iniziati in anni precedenti, il limite massimo delle spese detraibili deve tenere conto delle spese già sostenute negli anni precedenti si avrà diritto all’agevolazione solo per la parte di spesa che non superi il limite complessivo di 96.000 euro.
L’agevolazione può essere richiesta per le spese sostenute nell’anno, secondo il criterio di cassa.
La detrazione deve essere ripartita in dieci quote annuali di pari importo, nell’anno in cui è stata sostenuta la spesa e in quelli successivi.
La possibilità, per contribuenti di età non inferiore a 75 e 80 anni di ripartire la detrazione in cinque o tre rate annuali di pari importo, dal 1° gennaio 2012 non è più prevista.

A CHI SPETTA
Trattandosi di una detrazione dall’Irpef lorda, sono ammessi a fruirne tutti coloro che sono assoggettati all’imposta sul reddito delle persone fisiche, residenti o meno sul territorio dello Stato. Va precisato che si tratta effettivamente di una detrazione dall’imposta e non di un rimborso; ciascun contribuente ha perciò diritto a detrarre annualmente la quota spettante nei limiti dell’imposta dovuta per l’anno in questione, cioè non è ammesso il rimborso di somme eccedenti l’imposta. Per poter beneficiare della detrazione è necessario essere proprietari o titolari di altro diritto reale sull’unità abitativa oggetto di intervento e cioè:
• proprietari o nudi proprietari
• titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie)
• locatari o comodatari
• soci di cooperative divise e indivise
• soci delle società semplici
• imprenditori individuali, per gli immobili non rientranti fra i beni strumentali o merce.
Ha diritto alla detrazione anche il familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile oggetto dell’intervento, purché sostenga le spese e siano a lui intestati bonifici e fatture. In questo caso, ferme restando le altre condizioni, la detrazione spetta anche se le abilitazioni comunali sono intestate al proprietario dell’immobile e non al familiare che usufruisce della detrazione.
Non possono beneficiarne della detrazione, per esempio, gli inquilini.

PER QUALI LAVORI
I lavori per i quali spetta l’agevolazione fiscale, elencati dall’art. 16-bis, del Testo Unico sulle Imposte sul Reddito (T.U.I.R.), sono quelli:
a) di cui alle lett. a) b) c) e d) dell'articolo 3 del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, effettuati sulle parti comuni di edificio residenziale di cui all'articolo 1117, n. 1), del codice civile;
b) di cui alle lettere b) (interventi di manutenzione straordinaria), c) (interventi di restauro e di risanamento conservativo) e d) (interventi di ristrutturazione edilizia), dell'articolo 3 del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, effettuati sulle singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali, e sulle loro pertinenze;
c) necessari alla ricostruzione o al ripristino dell'immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi, anche se non rientranti nelle categorie indicate alle lettere a) e b) precedenti, a condizione che sia stato dichiarato lo stato di emergenza;
d) relativi alla realizzazione di autorimesse o posti auto pertinenziali anche a proprietà comune;
e) finalizzati alla eliminazione delle barriere architettoniche, aventi ad oggetto ascensori e montacarichi, alla realizzazione di ogni strumento che, attraverso la comunicazione, la robotica e ogni altro mezzo di tecnologia più avanzata, sia adatto a favorire la mobilità interna ed esterna all'abitazione per le persone portatrici di handicap in situazioni di gravità, ai sensi dell'articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104;
f) relativi all'adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi;
g) relativi alla realizzazione di opere finalizzate alla cablatura degli edifici, al contenimento dell'inquinamento acustico;
h) relativi alla realizzazione di opere finalizzate al conseguimento di risparmi energetici con particolare riguardo all'installazione di impianti basati sull'impiego delle fonti rinnovabili di energia. Le predette opere possono essere realizzate anche in assenza di opere edilizie propriamente dette, acquisendo idonea documentazione attestante il conseguimento di risparmi energetici in applicazione della normativa vigente in materia;
i) relativi all'adozione di misure antisismiche con particolare riguardo all'esecuzione di opere per la messa in sicurezza statica, in particolare sulle parti strutturali, per la redazione della documentazione obbligatoria atta a comprovare la sicurezza statica del patrimonio edilizio, nonché per la realizzazione degli interventi necessari al rilascio della suddetta documentazione. Gli interventi relativi all'adozione di misure antisismiche e all'esecuzione di opere per la messa in sicurezza statica devono essere realizzati sulle parti strutturali degli edifici o complessi di edifici collegati strutturalmente e comprendere interi edifici e, ove riguardino i centri storici, devono essere eseguiti sulla base di progetti unitari e non su singole unità immobiliari;
l) di bonifica dall'amianto e di esecuzione di opere volte ad evitare gli infortuni domestici.

COSA OCCORRE PER FRUIRE DELLA DETRAZIONE
Gli adempimenti previsti per richiedere la detrazione sulle spese di ristrutturazione sono stati semplificati e ridotti.
In particolare, dal 13 maggio 2011 sono stati soppressi l’obbligo dell’invio della comunicazione di inizio lavori all’Agenzia delle Entrate e quello di indicare il costo della manodopera, in maniera distinta, nella fattura emessa dall’impresa che esegue i lavori.

Per fruire della detrazione è necessario che i pagamenti siano effettuati esclusivamente con l’apposito bonifico bancario o postale da cui risultino:
• causale del versamento
• codice fiscale del soggetto che paga
• codice fiscale o numero di partita Iva del beneficiario del pagamento
I contribuenti interessati devono conservare, oltre alla ricevuta del bonifico, le fatture o le ricevute fiscali relative alle spese effettuate per la realizzazione dei lavori di ristrutturazione. Questi documenti, che devono essere intestati alle persone che fruiscono della detrazione, potrebbero essere richiesti, infatti, dagli uffici finanziari che controllano le loro dichiarazioni dei redditi.

 

AGEVOLAZIONE FISCALE IRPEF 65%
Sulle spese sostenute dal 6 giugno 2013 (data di entrata in vigore del Dl 63/2013) al 31 dicembre 2017, per gli interventi di riqualificazione energetica di edifici già esistenti, spetta una detrazione del 65%.

La detrazione spetta per le spese sostenute, e rimaste a carico del contribuente (per es. non incentivati dal Comune) per:

•  interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione e contestuale messa a punto del sistema di distribuzione.La detrazione spetta fino a un valore massimo di 30.000 euro.

•  interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore ad alta efficienza e impianti geotermici a bassa entalpia nonché quelli di sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria.